Logo Università Primo Levi
Il mondo moderno e contemporaneo
B.16
Da Moro a Berlusconi: 1978/1994. L'Italia dalla prima alla seconda repubblica
Docenti | Franco CAPELLI
Mercoledì 15:30 / 17:30 | 10 incontri
Inizio | Mercoledì, 10 Ottobre 2018
Sede | Sede Univ. Primo Levi via Azzo Gardino, 20A/B/C - Bologna
Contributo | € 75
Nei pochi anni che vanno dal rapimento di Aldo Moro, il 16 marzo 1978, alla vittoria di Silvio Berlusconi, nelle elezioni politiche del 27 e 28 marzo 1994, gli italiani subiscono una serie di traumi da cui, forse, non si sono più ripresi. L'assassinio di Moro si colloca infatti al culmine di un decennio contraddistinto dalla crisi economica e dal terrorismo, un periodo in cui parve che lo stato italiano perdesse il monopolio della violenza. Poi, in poco tempo, i gruppi armati vengono neutralizzati e si afferma il pentapartito, destinato a governare il paese lungo gli anni Ottanta, contrassegnati da forte crescita economica e dall'affermarsi di nuovi valori. Però dopo il 1989 crolla il sistema bipolare che aveva retto il mondo dalla fine della seconda guerra mondiale, mentre in Italia crolla la lira, Cosa nostra dichiara guerra allo stato, la magistratura colpisce gli intrecci fra politica e affari; dopo di che, in breve, scompaiono i partiti che dal 1945 erano stati i protagonisti della nostra vita politica, e un industriale dei media dà vita in anno a un nuovo partito vincendo clamorosamente le elezioni. Nel corso cercheremo di raccontare queste vicende e di comprendere perché continuino a segnare la vita politica - e non solo - del paese.