Logo Università Primo Levi
A.51
Viaggio nella storia dell’arte: il Settecento europeo tra Neoclassicismo e Romanticismo
Giovedì 17:45 / 19:45 | 13 incontri
Inizio | Giovedì, 01 Febbraio 2024
Sede | IN PRESENZA E ONLINE | Università Primo Levi Via Azzo Gardino, 20 A/B/C - 40122 - Bologna
Contributo | € 130
Nella seconda metà del Settecento l’Europa affronta cambiamenti epocali. Al pensiero illuminista, fiducioso nella ragione e nel progresso, si accompagna la polemica contro il gusto frivolo, rococò, dell’Ancien Régime. In nome della razionalità si combattono l’oscurantismo e l’ignoranza, si promuovono riforme sociali, si guarda alla produzione artistica in modo nuovo. I Philosophes considerano l’arte come veicolo di educazione morale e di rinnovamento civile; nasce l’estetica come scienza del bello; l’archeologia scopre Ercolano e Pompei e riflette sulle antichità greche.
L’antico, portatore di valori etici, diventa modello nell’età di Johann Joachim Winckelmann. Ma al nuovo classicismo già si affianca la riflessione sul sentimento e sulla natura che colpisce la sensibilità dell’uomo, coinvolgendolo nelle sue emozioni più profonde: sbocciano fermenti romantici nell’Europa di David, Canova, Goya, Reynolds.
Per ragioni di continuità, a inizio corso è previsto il riepilogo del corso precedente. Per consolidare la fluidità del percorso ed esercitare la memoria visiva, all’inizio di ogni lezione si riassumerà quanto presentato nella lezione precedente.