Logo Università Primo Levi
Storia e cultura di Bologna
B.29
Felsina pittrice: Storia della pittura a Bologna e dintorni - Barocco - Arcadia e Rococò nella dialettica artistica tra 600 e 700.
Giovedì 15:30 / 17:30 | 12 incontri
Inizio | Giovedì, 11 Ottobre 2018
Sede | Sede Univ. Primo Levi via Azzo Gardino, 20/B - Bologna
Contributo | € 80
La grande tradizione pittorica bolognese aveva toccato nel 600 i suoi più alti vertici, oscillando tra i poli opposti del Classicismo e del Naturalismo ed esprimendo figure di eccezionale livello (I Carracci - G. Reni e il Guercino) dominanti la scena nazionale ed europea. L'insegnamento di questi maestri produsse nel nostro territorio una fioritura straordinaria di artisti e di opere che nel tardo 600 e nel secolo successivo fecero ancora di Bologna un centro propulsivo di notevole rilevanza, soprattutto nell'ambito della grande decorazione ad affresco e della scenografia teatrale (basti ricordare il nome dei Bibiena, ricercati da tutte le corti d'Europa). Protagonisti di grande richiamo furono pure C. Cignani, M.A. Franceschini, V. Bigari e soprattutto G. M. Crespi e D. Creti, sino all'affermazione dei Gandolfi con cui si chiude la luminosa parabola della pittura bolognese tra serene visioni di Arcadia e spumeggianti galanterie rococò, beatamente inconsapevoli della imminente tempesta della Rivoluzione. Si prevedono 2/3 visite guidate in ambito cittadino. - Eventuali costi di trasporto e di ingressi non sono compresi nel contributo.