Logo Università Primo Levi
RAIMONDI Raffaella
Ha conseguito la laurea in Lettere Classiche e il Dottorato di Ricerca in Archeologia presso l’Università di Bologna. Esperta di archeologia romana, orienta i suoi corsi all’arte e alla storia antica, con particolare interesse alla valorizzazione del patrimonio culturale nazionale e alla comprensione del presente attraverso la lettura del passato. Recentemente ha collaborato all’organizzazione del progetto culturale “Villa, Vicus, Via” che l’ha vista curatrice di due mostre, relatrice di conferenze e co-autrice del relativo volume inserito nella collana dei Quaderni di Archeologia dell’Emilia Romagna.
RAPAGNETTA Maria
Maria Rapagnetta laureata in Filosofia con indirizzo Estetico presso l'Università di Bologna, con una tesi sulla fruizione dell'opera d'arte. Operatrice culturale, ha messo a punto un proprio metodo di fruizione dell'opera denominato "Incontrarsi nell'Arte", nato dal connubio tra la disciplina storica e critica dell'arte e i principi della filosofia fenomenologica. Negli anni ha collaborato con molteplici realtà pubbliche e private e realizzato diversi progetti artistico-performativi tra cui Diventa Morandi e pubblicato il relativo libro Diventa Giorgio Morandi.
REPINA Natalia
Natalia Repina laureata in Pittura all'Accademia delle Belle Arti di S.Pietroburgo(Russia)nel 1991. Pittrice figurativa, esperta in varie tecniche pittoriche e grafiche (olio, pastello, carboncino). Dal 1998 è membro dell'Unione dei Pittori della Russia e di varie associazioni d'arte in Italia e Russia.Docente di disegno e di pittura, ha insegnato Grafica all'Università di Architettura e Costruzioni di San Pietroburgo, critica d'Arte presso l'Ufficio Internazionale di Prenotazioni srl. di San Pietroburgo, docente di pittura all'Università Primo Levi di Bologna e di scuola d'arte privata. Le opere della pittrice figurano in vari enti pubblici tra cui: Museo della Ricerca Scientifica dell'Accademia delle Belle Arti di San Pietroburgo (Russia), Museo F.M. Dostoevskij di San Pietroburgo (Russia), Ministero degli Affari Esteri della Russia, Lyle Finley Gallery (Stati Uniti), Associazione Amici dell'Arte di Aligi Sassu (Italia-Svizzera) e in numerose collezioni private in Cina, Danimarca, Italia, India, Finlandia, Francia, Germania, Russia, Spagna e Stati Uniti. L'artista ha ottenuto premi e riconoscimenti e i più recenti sono: Premio"Artista eccellente", Centro Accademico Maison d'Art di Padova, Italia nel 2018; Finalista Premio Fondazione Casa America 2015, La mia America latina, Genova, Italia; Finalista Premio Renzo Magnanini nel 2011, Bologna, Italia; Honorabile Mention nella categoria ritratto/figura di Pastel Journal's 12 th Annual Pastel 100 Competition, Stati Uniti nel 2010; Seconda classificata al Premio Internazionale d'Arte a tema "il Giocattolo" nel 2009, Zagarolo, Roma Italia ed altri. Le opere di Natalia Repina partecipano dal 1994 alle aste d'arte Internazionali come Millon & Robert Parigi, Antiquitaten und Auktionshaus J.Weiner Munchen, Peter Karbstein Kunst-und Auktionshaus Dusseldorf, Druout Richelie Parigi ed altri. La pittrice ha esposto con le mostre personali a San Pietroburgo, Parigi, Bologna ed ha partecipato a moltissime mostre collettive.
RIDOLFI Rosa
Rosa Ridolfi, Dottoressa in Filosofia, indirizzo Estetica, Docente Pubblica Istruzione fino al 2016, con esperienza e studio trentennale in Tecniche energetiche, pranoterapia, meditazione, dialogo delle voci, Musicoterapia, ricerca in Antropologia culturale e Simbolismo, si occupa della concertazione fra crescita personale, dinamiche di relazione ed esplorazione del proprio sè individuale.
RIGHETTI Edda
Dopo gli studi classici, ho conseguito con lode la laurea in Lettere Moderne presso l'Università degli Studi di Bologna con una tesi di Storia dell'arte con la professoressa Vera Fortunati. Ho insegnato Storia dell'arte per tutta la mia carriera professionale nei licei bolognesi. Ho pubblicato studi sulle incisioni del '600 e '700 bolognese e sul Liberty e partecipato a iniziative di divulgazione artistica nel territorio. Ho collaborato con il Fai e ho preso parte a progetti didattici basati sull'incontro della Storia dell'arte con la fotografia. Appassionata di ceramica, creo da tempo oggetti con la tecnica giapponese Raku.
RIGUZZI Vittorio
Vittorio Riguzzi si occupa di filosofia, arte e scienza. Docente alla Scuola di specializzazione Erich Fromm di Bologna, si è occupato del Teatro Filosofico ed è stato direttore della Fondazione Hermann Geiger di Basilea. Come critico d'arte, ha curato oltre un centinaio di mostre e i relativi cataloghi o apparati critici.
ROTINO Sergio
Sergio Rotino vive e lavora a Bologna. Esordisce nel 2009 col romanzo Un modo per uscirne (Abramo editore), mentre del 2011 è l'esordio poetico con Loro (Dot.com press), cui segue Altra cosa da inventare (Isola, 2013) e Cantu maru (Edizioni Kurumuny, 2017). A dicembre del 2020 uscirà per Seri editore la nuova silloge. provvisoriamente intitolata Rapsodie. Per il 2021 è prevista un'altra silloge, Fine della biologia, edita da L'arcolaio. Negli anni ha curato varie antologie narrative e di poesia. Le più recenti sono Il più bel gioco, Assaggi, Declinazioni (qudulibri, 2018); I confini delle mappe, Evoluzioni e mutamenti, L'allungo (qudulibri, 2019). Ha inoltre curato le raccolte: Marco Giovenale, Il segno meno (Manni editori, 2003); Renato Giorgi, Racconti partigiani (Aspasia, 2003); Raymond André, Le vetrate di Saint Denis (Manni editori, 2004). Dal 2010 al 2020 organizza a Bologna la rassegna "Paesaggi di poesia". Nel 2016 e nel 2017 ha organizzato "Riassunto di ottobre", giornata di reading sulle scritture di ricerca. Giornalista senza tesserino per sua scelta, ha collaborato con le pagine culturali di varie testate, fra cui i quotidiani "Il domani di Bologna", "L'informazione", "Corriere del Mezzogiorno-Corsera", "Liberazione" e il mensile "Stilos". Ha prestato la sua voce alla redazione culturale di Radio città del capo dal 1997, per interviste, recensioni e interventi critici oltre che per "Il ragazzo dai capelli verdi", trasmissione di letteratura per ragazzi.
RUBINI Silvia
Laureata con 110 e lode in Storia dell'Arte Moderna all'Università di Bologna, presso lo stesso Ateneo ha conseguito il Diploma di Specializzazione per l'Insegnamento nelle Scuole secondarie di Secondo Grado. E' docente di ruolo presso l'I.I.S.S. "P. Calamandrei" di Sesto Fiorentino (FI), dove insegna Storia dell'Arte-Arte e Territorio negli indirizzi Liceo linguistico e Tecnico per il Turismo. Dall'A.a. 2001-2002 tiene corsi presso l'Università "Primo Levi" di Bologna e in diverse sue ramificazioni territoriali quali "Insieme per Conoscere" e "Università castiglionese". Ha all'attivo numerosi contributi in cataloghi di mostre, tra i quali si segnalano le schede relative a Villa Guerrini-Muratori-Meriggiani e Villa Bianconi nel catalogo della mostra Nel segno di Palladio a cura di A.M. Matteucci e F. Ceccarelli. Da anni studia il patrimonio culturale del territorio di Crespellano in Valsamoggia (Bo). Anche a seguito di tale impegno è stata chiamata a ricoprire