Logo Università Primo Levi
RAIMONDI Raffaella
RAPAGNETTA Maria
Maria Rapagnetta, libera professionista, operatrice culturale, esperta nella fruizione dell'opera d'arte. Si Laurea in Filosofia con indirizzo Estetico presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Bologna con una tesi sulla fruizione dell'opera d'arte. Interessata fin da giovanissima alla conoscenza dell'arte consegue la maturità presso l'Istituto Statale d'Arte di Pescara, si diploma in Restauro di materiali cartacei e fotografici e lavora come socia fondatrice prima dell'Immagine Ritrovata Snc e poi della Fototeca Snc di Bologna. Si forma in didattica dell'arte seguendo i corsi per insegnanti "Sentire l'Arte" ideato dalla dott.ssa Silvia Gramigna (storica dell'arte ed esperta di didattica) a Venezia. Nel 2003 a Bologna fonda l'attività "Incontrarsi nell'Arte": un percorso di approccio all'opera d'arte basato su una metodologia didattica integrata ed esperienziale che nasce dall'incontro della disciplina storica e critica dell'arte con i principi della fenomenologia/tonalità emotive fondamentali e la pratica dello Yoga. Ha competenze pedagogiche nella gestione di classi di tutti gli ordini e grado e gruppi eterogenei di adulti, si occupa della formazione insegnanti, referente per la sezione didattica del Museo Raccolta Lercaro di Bologna, gestisce corsi per diverse associazioni culturali, per diversi anni è stata referente della sezione educativa dell'associazione ASIA. Ha realizzato l'evento artistico performativo: Diventa Morandi in occasione della XII Giornata del Contemporaneo AMACI 25 ottobre 2016 presso la Casa di Giorgio Morandi a Bologna in collaborazione con Museo Morandi e MAMbo. Realizza il secondo Diventa Morandi il 27 maggio 2017 presso la Casa di Giorgio Morandi e Fienili del Campiaro a Grizzana, in collaborazione con il Comune di Grizzana, IT.A.C.A' Festival e Case della Memoria. Conduce corsi per l'università Primo Levi. Negli anni ha sviluppato una comprovata pratica nella fruizione e nella didattica dell'arte, combinando il valore della formazione culturale in campo artistico con le diversificate sensibilità umane, professionali e aziendali.
REID Neil Martin
Docente di lingua inglese con pluriennale esperienza, laureato in filosofia e spagnolo (Bachelor of Arts) a King's College, Università di Londra. Come qualifiche per l'insegnamento ha il International House Teaching English as a Foreign Language Certificate e il Royal Society of Arts T.E.F.L. Diploma. Ha insegnato in Inghilterra, Turchia, Libano e Torino prima di venire a Bologna.
ROMAGNOLI Luca
Luca Romagnoli ha compiuto, parallelamente agli studi classici, gli studi musicali presso il Conser-vatorio di Musica "G. B. Martini" di Bologna, sotto la guida di Franco Agostini, diplomandosi in Pianoforte col massimo dei voti e il premio "Mugellini". Ha studiato nell'ambito di corsi di perfe-zionamento, fra gli altri, con Paolo Bordoni e Boris Bekhterev. Come pianista solista è stato ospite di importanti Società e Associazioni concertistiche in Italia, Austria, Germania, Lussemburgo, Nor-vegia, Portogallo e Russia. La letteratura presentata nella attività concertistica spazia da Bach al '900 e comprende importanti opere quali: Liszt Sonata in si minore op.143, Chopin Sonata in si be-molle minore op.35, Prokofiev Sonata settima op.83 etc. Svolge parallelamente attività di relatore e musicologo: numerose le conferenze concerto e quelle riguardanti argomenti storico analitici: Itinera-ri pianistici, Corsi di guida all'ascolto Università Primo Levi, Musica e Pittura in collaborazione con Rinaldo Novali, F. Busoni opere pianistiche (La Bottega dell'Elefante), F. Busoni sonate per violino e pianoforte Conservatorio "G.B. Martini" Bologna etc. Ha scritto, fra gli altri, sul mensile del Cir-colo Dipendenti Università di Bologna. Ha insegnato Pianoforte nei Conservatori di Adria, Campo-basso, Trento, Salerno, Sassari. etc. Già titolare di una cattedra di Pianoforte nei Conservatori "U. Giordano" di Foggia e "B. Marcello" di Venezia, attualmente detiene una cattedra di Pianoforte presso il Conservatorio "F. Venezze" di Rovigo.
ROTINO Sergio
Nato a Lecce, risiede a Bologna dove si divide fra editoria, docenza, giornalismo radiofonico e organizzazione di eventi culturali. Ha collaborato con le pagine culturali di vari quotidiani e mensili, da anni presta la voce alla redazione culturale di Radio città del capo per interviste, recensioni e interventi critici. Ha pubblicato il romanzo Un modo per uscirne (Abramo editore, 2009) e le raccolte di poesia Loro (Dot.com press, 2011), Altra cosa da inventare (Collana Isola, 2013), Cantu Maru per la collana di Nato a Lecce, risiede a Bologna dove si divide fra editoria, docenza, giornalismo radiofonico e organizzazione di eventi culturali. Ha collaborato con le pagine culturali di vari quotidiani e mensili, da anni presta la voce alla redazione culturale di Radio città del capo per interviste, recensioni e interventi critici. Ha pubblicato il romanzo Un modo per uscirne (Abramo editore, 2009) e le raccolte di poesia Loro (Dot.com press, 2011), Altra cosa da inventare (Collana Isola, 2013), Cantu Maru per la collana di poesia "Rosada" (Edizioni Kurumuny, 2017). Ha curato varie antologie di narrativa e di poesia. Fra queste RZZZZZ! e 6000 raudi e 2mila paranoie (Transeuropa, 1993, 1996); Resistenza60 (Fernandel, 2005); Quello che c'è tra di noi (Manni, 2008).
RUBINI Silvia
Laureata con 110 e lode in Storia dell'Arte Moderna all'Università di Bologna, presso lo stesso Ateneo ha conseguito il Diploma di Specializzazione per l'Insegnamento nelle Scuole secondarie di Secondo Grado. E' docente di ruolo presso l'I.I.S.S. "P. Calamandrei" di Sesto Fiorentino (FI), dove insegna Storia dell'Arte-Arte e Territorio negli indirizzi Liceo linguistico e Tecnico per il Turismo. Dall'A.a. 2001-2002 tiene corsi presso l'Università "Primo Levi" di Bologna e in diverse sue ramificazioni territoriali quali "Insieme per Conoscere" e "Università castiglionese". Ha all'attivo numerosi contributi in cataloghi di mostre, tra i quali si segnalano le schede relative a Villa Guerrini-Muratori-Meriggiani e Villa Bianconi nel catalogo della mostra Nel segno di Palladio a cura di A.M. Matteucci e F. Ceccarelli. Da anni studia il patrimonio culturale del territorio di Crespellano in Valsamoggia (Bo). Anche a seguito di tale impegno è stata chiamata a ricoprire